DIY - Gel modellante

DESIGN
BLOG
Vai ai contenuti

DIY - Gel modellante

Rituale Naturale
Pubblicato da Cosmo in Cosmetici · 21 Settembre 2021
Tags: DIYfaidateLeaveInStylingCapelli
Una delle fasi dello styling per i capelli ricci è sicuramente quella di passare un gel sui capelli.

C’è chi lo mette prima chi dopo i vari passaggi, ma sul mio capello ho notato che mettendolo prima rimane meglio.

Un gel per il mio tipo di capello non deve essere strong, ecco perché ho scelto l’idrossietilcellulosa a media viscosità come modificatore reologico. Rimane molto morbido, quasi una crema e non secca una volta asciugato, evitando quel brutto effetto bagnato, che a me non piace proprio.

Ho evitato di aggiungere gomme di acacia e zuccheri troppo aggressivi, o peggio ancora sali, perché al mio capello non piacciono proprio! Così al posto di sorbitoli, xilitoli e miele vari, ho usato lo sciroppo di agave.

Inoltre ho voluto, un minimo di nutrimento dato dal cocco frazionato, di fattore umettante dato dalla glicerina e di idratazione tipica del gel di aloe e del bio hair conditioner che abbiamo già visto negli shampoo.

Gel idratante modellante

Fase unica

pH 5/5,5

Si fa scaldare bene l’acqua e si versa a pioggia l’idrossietilcellulosa frullando fin quando non inizia ad addensare. Si mettono poi la glicerina, lo sciroppo di agave e il trigliceride frullando bene ad ogni aggiunta e si aspetta che raffreddi per mettere gli altri ingredienti. Il pH viene già tra il 5 e il 5,5 e io lo lascio così.

Come sempre io l'ho profumato con qualche goccia di olio essenziale al limone, fragranza cocco e monoi.

Il composto finale è decisamente molto malleabile, non è solido, anzi è semifluido e molto facile da stendere sulle ciocche. E in ultimo, ma non meno importante, non sfarina una volta asciugato.

In seguito io procedo con la crema per capelli ricci, spray districante e a seconda della stagione (piena estate o pieno inverno) o di quel che devo fare (piscina, mare, alta montagna) un minimo di olio o un minimo di burro per effettuare il LOC Method non lo sdegno di certo!
Fonti di questo articolo:


Powered by ONE.COM

Creato da Cosmo con WebSiteX5evo
Torna ai contenuti