DIY - Shampoo idratante tiglio e mandorle dolci

DESIGN
BLOG
Vai ai contenuti

DIY - Shampoo idratante tiglio e mandorle dolci

Rituale Naturale
Pubblicato da Cosmo in Cosmetici · 15 Settembre 2021
Tags: DIYfaidateShampooIdratanteCapelli
Volendo optare per uno shampoo più idratante, ma che sia sempre delicato e pulente, senza aggredire il cuoio capelluto, ho usato gli stessi tensioattivi dello shampoo nutriente al tiglio e mandorle dolci.

Come attivi, oltre al già visto Tilicine della GreenTech e un po’ di olio di mandorla, ho usato anche gli estratti di malva e ippocastano, e il MANDORLAT della Sinerga, ovvero latte di mandorle contenente proteine idrolizzate e olio di mandorle dolci, con proprietà emollienti, idratanti e protettive, ideale per capelli da normali a secchi.

Shampoo idratante tiglio e mandorle dolci

pH 5,5/6 SAL sul 13

Dopo aver scaldato l’acqua, si fa sciogliere completamente il sodium cocoyl isethionate e nel frattempo si prepara un becher dove disperdere le gomme con la glicerina. Si versa l’acqua calda con il tensioattivo sciolto direttamente sulle gomme disperse in glicerina frullando. Nel mentre si scalda la fase B1 e si emulsionano le due fasi una volta arrivate a temperatura.  Si continua a frullare ogni tanto fino a raffreddamento, si aggiunge la fase B2 e la fase C, inserendo ogni ingrediente un po’ alla volta per non smontare il prodotto. Il pH viene già intorno al 5,5-5,8 e va già bene così.

Se lo si volesse più denso, si può aggiungere fino a 0,8% di cloruro di sodio, per far reagire la betaina con il tegosoft e il sensitens, ma non avrebbe senso increspare maggiormente i capelli solo per avere più densità!

Come sempre, le bolle spariranno nel giro di qualche giorno. Per farle diminuire prima, mescolarlo, ogni tanto, con la spatola molto lentamente e prima di imbottigliarlo girare bene con la spatola.

Anche questo shampoo viene denso il giusto, nè troppo da non scollarsi dalle pareti del flacone, né poco da scivolare dalle mani quando lo si versa, molto simile al nutriente. Fa una buona schiuma soffice ma si sciacqua facilmente.

Il colore naturale è biancastro tendente al minimo di caffé dovuto agli estratti, ma a piacere lo si può colorare senza problemi.

Si massaggia bene la testa lasciandolo in posa un paio di minuti. Al risciacquo i capelli restano puliti e ben idratati, e la cute non irritata è idratata anche lei grazie agli attivi aggiunti.

Per chi è molto riccio servirà sicuramente il balsamo per districare i capelli, ma il rituale capelli lo prevede comunque e io non rinuncio anche una bella maschera che agisca su tutto il fusto.
Fonti di questo articolo:


Powered by ONE.COM

Creato da Cosmo con WebSiteX5evo
Torna ai contenuti